Svezia

Cosa vedere in Svezia

La Svezia del Nord

Il nord della Svezia offre un paesaggio fatto di picchi alpini ed infinite distese di abeti. Pianure polari, praterie e ghiacciai. Ad est si trova la costa ricca di isole e di insenature.

Non è possibile descrivere la Svezia settentrionale senza menzionare la Lapponia svedese, uno dei pochi angoli di natura selvaggia d’Europa.

Gli amanti della natura dovranno assolutamente visitare i parchi naturali come Abisko e Sarek. La Svezia settentrionale è la terra dei Sami, gli abitanti indigeni di questa zona e le cui tradizioni ancora sopravvivono. Qui abitano la volpe artica, l’orso, l’alce, l’aquila dorata. E’ questa la terra del sole di mezzanotte e dell’aurora boreale.

La costa baltica delle province di Vasterbotten e Angermanland è patrimonio mondiale dell’UNESCO per la sua bellezza. Il suo paesaggio così particolare è dovuto al fatto che qui la terra è emersa con una velocità maggiore rispetto ad altre terre, dopo l’ultima glaciazione che risale a 9600 anni fa, quando questa zona era coperta da uno strato di ghiaccio di 3 km. Le caratteristiche geologiche così particolari hanno dato origine ad una flora ed una fauna molto particolari, con delle specie molto rare per queste latitudini.

Un’altra caratteristica della High Coast svedese è la roccia granitica rossa Nordingra. La costa che rientra nel patrimonio mondiale dell’Unesco si estende per 100 km da nord a sud, al centro si trova lo Skuleskogen National Park. Il modo migliore per visitare la costa è in macchina, iniziando da Ornskioldsvik o Kramfors. D’estate ci sono diversi traghetti e barche che percorrono la costa.

La Lapponia

La Lapponia si trova all’estremo nord della Svezia, qui troverete i paesaggi artici più selvaggi d’Europa. Questa zona è facilmente accessibile da tutti i visitatori del mondo ma altre aree sono accessibili solo ad esperti esploratori.

Molti viaggiatori per raggiungere la Lapponia passano dalla città di Kiruna che si trova ad un’ora e mezza da Stoccolma. Da qui si possono raggiungere i resort sulle montagne, Abisko, Bjorkliden e Riksgransen ed il massiccio intorno a Kebnekaise, la montagna più alta della Svezia, grande attrazione per i più avventurosi.

La Lapponia è casa dei Sami, nativi della Scandinavia. Consigliamo di visitare Kiruna e Jokkmokk a chi è interessato alla cultura tradizionale Sami.

La Lapponia è costituita da 4 parchi nella parte occidentale della Lapponia. L’area occupa una superficie di 9,400 kmq di foresta selvaggia e montagne. E’ nota con il nome “L’ultima regione selvaggia dell’Europa Occidentale”, anche se i Sami hanno abitato qui per migliaia di anni le tracce che hanno lasciato sono poche e visibili solo ad occhi esperti. Diversi tour operators, soprattutto nelle zone di Gallivare, Jokkmokk, Porjus e Saltoluokta, organizzano escursioni che diventano una fusione di natura e tradizione Sami.

Il Sole di mezzanotte

L’estrema latitudine settentrionale sopra il Circolo Polare Artico, offre alla Lapponia una benedizione attraverso il fenomeno delle note luci del nord, fenomeno che attira gente da tutte le parti del mondo.

D’estate le regioni che si trovano a nord del Circolo Polare Artico godono di due mesi di sole di mezzanotte, un periodo piuttosto lungo di luce continua. Il sole di mezzanotte è dovuto alla particolare posizione del sole. I concetti di nord e sud si offuscano e la notte diventa semplicemente una versione leggermente più scura del giorno. La luce del sole di mezzanotte dona al paesaggio un’atmosfera magica. Fare escursioni in questo particolare periodo dell’anno è un’esperienza unica e soprattutto non ci si dovrà preoccupare dell’orario perché sarà sempre giorno.

Questa particolare condizione che caratterizza l’estate di questo paese del nord, d’inverno presenta un altro fenomeno molto caratteristico, la notte polare. In questo caso il sole non sorge mai oltre l’orizzonte nell’arco delle 24 ore. A mezzogiorno, se il sole è appena sotto l’orizzonte, potrebbero esserci un paio d’ore di luce molto leggera. L’inverno è il periodo migliore per ammirare le luci del nord. L’aurora boreale è considerata uno dei fenomeni naturali più spettacolari.

Il fenomeno delle luci del nord si manifesta quando delle particelle elettromagnetiche entrano in contatto con il campo magnetico terrestre a grande velocità spinte dal vento solare, per questo è possibile vedere le luci del nord vicino ai poli magnetici. Può succedere di vedere le luci del nord durante tutto l’anno ma le possibilità di scorgerle aumenta nelle notti invernali quando il cielo è nero.
Nei tempi antichi le luci del nord hanno dato origine a miti e leggende. In finlandese questo fenomeno si chiama “revontulet” che tradotto significa fuochi di volpe. Il termine deriva da una leggenda secondo la quale le luci del nord erano delle scintille nella pelliccia delle volpi giganti. Altri hanno descritto il fenomeno come un drago in lotta per la sopravvivenza.

Per vedere le luci del nord, oltre ad essere inverno deve esserci un tempo sereno. Sulla montagna di Abisko, uno dei siti più famosi per l’avvistamento delle luci del nord, le guide garantiscono l’avvistamento del fenomeno se si pernotta almeno 3 notti.

Il Gammelstad Church Village

Questo villaggio si trova fuori dalla città di Lulea ed è patrimonio mondiale dell’Unesco perché è il villaggio del nord della Svezia che si è preservato meglio.
Un “church village” consiste in piccoli cottage di legno costruiti dai pellegrini provenienti dalle regioni più remote per celebrare le festività religiose principali. Questi cottage furono costruiti proprio perché si dovevano percorrere lunghe distanze per andare in chiesa. I cottage rossi mantennero la loro caratteristica fino al 1950.

Oggi nel villaggio vive una comunità e molti cottage vengono ancora utilizzati dai credenti, soprattutto d’estate, quando molti giovani vengono a confermare qui il loro credo.

I parchi

In Lapponia e nella Svezia settentrionale ci sono tantissimi parchi naturali, di seguito ne elenchiamo qualcuno:

  • Sarek
    Fondato nel 1909, Sarek National Park è una vasta area selvaggia di suprema bellezza. Insieme a Stora Sjofallet e a Padjelanta, Sarek è il più grande parco naturale d’Europa. Il parco occupa una superficie di 5200 kmq. E’ un’area di montagna di massicci alpini e strette valli, ghiacciai, laghi, corsi d’acqua e terre bagnate. Famosa è la valle di Rapadalen bagnata dal fiume Rapapaato con le sue acque verdi nate da 30 ghiacciai.
    Nel parco vivono l‘orso, la lince, il lupo ecc. Per chi desidera addentrarsi nel parco consigliamo una grande esperienza non essendoci sentieri battuti ed essendo le condizioni meteo sempre molto dure. Un paradiso dalla bellezza unica.
  • Abisko
    L’Abisko National Park con il suo canyon sorge fra il lago di Tornetrask e le alpi. E’ un parco di estrema bellezza con un complesso montuoso stupendo, si tratta del “Lapp Gateway” , posto ideale per gli amanti della montagna. Abisko rappresenta il punto d’inizio / fine del “Sentiero del Re”, un percorso lungo 440 km dove sono stati costruiti dei rifugi per gli escursionisti. Il percorso attraversa alcuni dei paesaggi più belli della Svezia e del Nord Europa. Abisko rappresenta uno dei luoghi migliori per ammirare le luci del nord.
  • Vadvetjakka
    Questo parco nazionale si trova a nord del lago Tornetrask, la sua flora è unica, con le sue praterie e le sue foreste.
  • Muddus
    Una delle più belle foreste vergini della Svezia, molti vecchi pini con le loro cicatrici sono la testimonianza degli incendi che ci sono stati. In questa foresta vivono diverse specie di uccelli.
  • Pieljekaise
    Un parco noto per le sue folte foreste ricche di uccelli.
  • Haparanda Archipelago
    Un arcipelago baltico unico costituito da due grandi isole, Sandokan e Seskaro Furo e da altre piccole isole. Il parco è noto per la sua flora unica e per le 200 specie di uccelli che vi abitano.
  • Perameri / Bottenviken
    Questo parco naturale situato a nord del mar Baltico è costituito da diverse isole. Sulle isole abitano diverse specie di uccelli e una colonia di foche.
  • Skuleskogen
    Per le sue caratteristiche geologiche, il parco che sorge nella zona centrale dell’High Coast, possiede una flora ed una fauna assai rare per queste latitudini. Il paesaggio è mozzafiato, con l’isola più alta di Svezia, Mjalton, che emerge 236 m sopra il livello del mare e le scogliere a strapiombo di granito rosso.

La Svezia meridionale

L’80% della popolazione svedese vive nel versante meridionale del paese. Qui il clima è più temperato ed il paesaggio è meno ostile di quello del nord.

Consigliamo una vacanza a Skane vicino al mare dove potrete affittare un cottage sul lago oppure optate per città più grandi come Malmö, Lund ed Helsingborg inserendo una gita a Glasricket (Regno del cristallo) oppure a Molle o Torekov.

Le località da visitare

Se siete interessati a conoscere la cultura di questo paese, le città, i paesi ed i villaggi della costa meridionale vi offriranno tantissimi punti d’interesse, sia se siete appassionati di musica, arte, storia o architettura. Durante tutto l’anno troverete aperti musei, teatri, negozi e gallerie.

Le due più grandi metropoli della Svezia meridionale sono Goteborg ad ovest e Malmo a sud.

Consigliamo la Duncker Culture House ad Helsingborg situata in un edificio moderno progettato dall’architetto danese Kim Utzon, oppure degna di nota è la Kulturen Culture House a Lund. Entrambe si trovano nella regione di Skane. Bellissimo il parco delle sculture di Wanas e il Museo di acquarelli del Nord sull’isola di Tjorn sulla costa occidentale (ospitato all’interno di un palazzo progettato da Niels Bruun e da Henrik Corfitsen).

Skane e l’isola di Gotland, sono le mete preferite di artisti ed artigiani, in questi luoghi si trovano tante gallerie e in molti aprono proprio qui i loro studi. Si possono trovare prodotti di artigianato contemporaneo e tradizionale in tutta la Svezia del sud.
Nelle regioni di Småland e Västergötland si trova il regno del cristallo e molti negozi che vendono mobili e tessuti. Se siete appassionati di storia, Västergötland è la culla della cultura svedese dove troverete siti antichi quanto le piramidi egizie, come ad esempio le incisioni rupestri di Tanum che sono patrimonio dell’Unesco.
Uno dei personaggi storici maggiori della Svezia è lo scienziato Carolus Linnaeus, creatore del Systema naturae, una dettagliata classificazione di piante ed animali, viene considerato come il più grande predecessore di Charles Darwin. In suo onore, ogni qualvolta decorre il suo anniversario vengono organizzati degli eventi importanti.

La costa della Svezia meridionale

Il paesaggio costiero ad est, sud ed ovest della Svezia meridionale offre prospettive molto diverse fra loro. Troverete una moltitudine di villaggi di pescatori e paesini costieri. Splendida la costa rocciosa occidentale con le sue scogliere, le sue isole, un vero paradiso di colori per chi arriva via mare con la barca d’estate. Se non avete una barca propria potrete sempre prendere uno dei tanti traghetti disponibili da Gothemburg, Stromstad ed altri paesi costieri. Potrete scegliere fra le diverse gite giornaliere oppure saltare da un’isola all’altra. Lungo tutta la costa troverete alberghi e ristorantini dove assaggiare le specialità dell’Atlantico.

Le coste di Halland e di Skane sono coste rocciose così come la splendida penisola di Kullaberg e Hovs Hallar situata sulla penisola di Bjare, vicino Torejov, luogo dove fu girato il film di Ingmar Bergman “Il settimo sigillo”. Entrambi i paesaggi sono caratterizzati dalle lunghe spiagge di sabbia bianca che difficilmente si trovano a queste latitudini. Fra le spiagge più famose citiamo Tylösand, Mellbystrand, Varberg e Laholm ad Halland, mentre Skanör, Sandhammaren, Haväng e Åhus a Skåne.

Sulla costa orientale si trovano delle isole paradisiache ideali per andare in barca, fare canoa oppure pescare, posti decisamente ideali per chi desidera rilassarsi e scappare dal turismo di massa o dallo stress della città.

Il Gota Kanal rappresenta infine una delle maggiori attrazioni turistiche del paese. Il canale fu costruito tra il 1810 ed il 1832 dall’ingegnere Baltzar Von Platen, furono impiegati 58000 soldati per la realizzazione dell’opera. Il Gota Kanal è lungo 190 km, 92 m sopra il livello del mare. Lungo il canale si potranno scorgere scenari bellissimi e paesini caratteristici. E’ possibile prenotare una crociera per visitare tutti i siti d’interesse storico che si trovano lungo la costa. Lungo il canale si possono affittare kayak ed altre imbarcazioni, vi sono percorsi ciclabili e sentieri per fare trekking.

La Svezia centrale

La zona centrale è il cuore della Svezia, la perla di questa regione è Stoccolma, capitale e centro politico e culturale della Svezia. La zona include anche 14 isolotti, ognuno con le proprie caratteristiche, ovunque si può fare shopping, mangiare molto bene e fare qualsiasi cosa che vi venga in mente.

Più a nord si trova la Grande Miniera di rame, patrimonio dell’Unesco. Grazie al lavoro svolto dai minatori in passato la Svezia divenne una grande potenza europea.
Falun, luogo in cui sorge la miniera, è il posto dove nasce una razza molto particolare di cavallo, il Dalecarlian, e la patria del famoso pittore Carl Larsson, la cui casa è aperta al pubblico.

Affittate un cottage sul lago per l’estate e organizzate una gita all’arcipelago di Stoccolma oppure visitate uno dei tanti castelli.

Le località da visitare

Negli ultimi decenni, la capitale svedese, Stoccolma, è diventata la città più amata del Nord Europa per spezzare dal caos quotidiano infatti molti turisti stranieri la scelgono come meta ideale. Oltre a Stoccolma anche la fascia centrale del paese offre molti scorci interessanti. Ci sono tantissime città che possono diventare il punto di partenza per un week-end in Svezia.

A meno di un’ora di distanza da Stoccolma si trova Uppsala, sede dell’università più importante del paese e antica capitale di Svezia. Si tratta di una delle città svedesi più antiche e storiche, la quarta città più grande del paese. Uppsala ospita Uppsala Domkyrka, la più grande e spettacolare cattedrale della Svezia, le sue parti più antiche risalgono al XIII secolo. Molte attrazioni di questa città sono in parte legate alla cultura universitaria, interessante è visitare il college antico che risale al 1477 ed il museo Gustavianum. Nella Vecchia Uppsala, un’attrazione interessante è quella delle tombe dei Re di 1000 anni “Uppsala Mounds”e del museo dalla facciata di vetro con vista sulle tombe. Uppsala è anche la città dove visse e lavorò lo scienziato Carl Linnaeus, potrete visitare la sua casa Hammarby, il giardino Linnaeus ed una mostra dedicata a lui al museo Gustavianum.

Un altro sito d’interesse storico ed architettonico è Orebro, a Narke, che si trova nel versante sud occidentale. Splendida città costruita intorno al Castello di Orebro risalente al XVI secolo. Questa città è il punto di partenza migliore per esplorare la regione di Bergslagen, regione di meravigliosi paesaggi, di foreste e di manieri. Ad ovest di Stoccolma si trovano Västerås ed Eskilstuna, due città industriali che negli ultimi anni hanno subito delle grosse trasformazioni positive, offrendo alle famiglie tante attrazioni interessanti. A nord di questa regione troviamo Falun, la capitale, la cui famosa miniera del Monte di Rame è uno dei siti sotto la protezione dell’Unesco.
Gavle infine, la più grande città della Svezia settentrionale con la sua città di pietra, si affaccia sulla costa Baltica.

La costa della Svezia centrale

La costa orientale della Svezia centrale offre un panorama bellissimo dell’arcipelago con migliaia di isole. D’estate questi posti sono invasi dagli amanti del mare che arrivano con le loro barche. La maggior parte di queste isole è disabitata, molte sono raggiungibili solo in barca, i punti d’attracco sono numerosi.
Fare un giro delle isole a giugno, luglio o ad agosto quando le giornate sono più lunghe, è un’esperienza davvero unica che tutti dovrebbero fare almeno una volta nella vita. Lungo la costa ci sono una serie di paesini e di porti di pescatori, ovunque troverete un alloggio che fa al vostro caso, così come ristoranti e locali, soprattutto d’estate si organizzano molti eventi.
Se non avete la barca potrete sempre prendere un traghetto da Oregrund, Grisslehamn, Osthammar, Kappelskar, Norrtaljie, Stavsnas, Waxholm, Dalaro o Nynashamn oppure dal centro di Stoccolma. Sarà possibile fare un giro di tutte le isole e in alcuni posti si potrà noleggiare la bicicletta, la barca o il kayak.

I paesaggi dell’arcipelago settentrionale, nella regione di Roslagen sono più desolati ma qui potrete realmente sperimentare la calma poetica e la solitudine anche nei mesi di alta stagione.

L‘arcipelago meridionale è più trafficato e più turistico e d‘estate ci sono molti turisti. Visitare le isole d’inverno è ugualmente una buona idea, un modo diverso per trascorrere il Natale.

Anche in autunno e in primavera una gita all’arcipelago è raccomandabile, sia per passeggiare che raccogliere funghi e fiori. Se vi piace pescare, ricordate che in primavera e in autunno si apre la stagione della pesca alla trota.

Le isole della Svezia

La costa rocciosa della Svezia è costituita da tantissime piccole isole, alcune lussureggianti, altre più spoglie. Ci sono 5 arcipelaghi principali sia ad est che ad ovest del paese, soprattutto nei pressi di Gothemburg e di Stoccolma. Qui si potranno praticare svariati sport acquatici e gli amanti della natura potranno ammirare una ricca flora e fauna.

Gotland ed Oland sono le due isole maggiori della costa orientale svedese, molto famose in Svezia ma poco conosciute all’estero. Entrambe rappresentano due dei siti storici più ricchi della Svezia.

A Gotland, nel Mar Baltico, ci si arriva via mare ( il traghetto veloce impiega circa 2 ore e mezza) oppure via aerea atterrando nella cittadina medievale di Visby, con le sue mura di cinta, stradine di sassolini, case di pietra e di legno, chiesette e rovine. Nel Medioevo questa città era un importante porto commerciale, oggi è patrimonio dell’Unesco. D’estate la città si anima, mentre nel corso delle altre stagioni Visby offre silenzio e tranquillità. Una volta arrivati a Visby si possono raggiungere molte delle attrazioni in macchina o in bicicletta.
Le distanze sono brevi quindi basterebbe un week-end oppure una sola giornata per visitare tutto.

Da un punto di vista paesaggistico, Gotland è uno spettacolo. Splendido è il versante più a sud noto come Sudret, dove si possono ammirare le coste rocciose ed i mulini a vento. Hoburgen Rock è il luogo ideale per l’avvistamento di uccelli, in primavera e d’autunno qui si riuniscono tantissimi ornitologi. Sull’isola di Faro, a nord di Gotland, si può trovare un paesaggio ancora più particolare e devastante, paesaggio che si è prestato molto bene come sfondo ai film di Ingmar Bergman. Nel 2006 si tenne proprio a Faro un festival in onore di Bergman. In questa parte della costa a volte le rocce diventano delle sculture naturali ed è possibile scorgere persino dei volti umani. Per le gite giornaliere consigliamo le isole di Stora Karlsö e di Lilla Karlsö, in primavera qui sbocciano le orchidee e fanno ritorno tantissimi uccelli. Sarà possibile pernottare direttamente sull’isola e a Stora Karlso ci sarà anche un ristorante dove poter mangiare.

Gotland è anche un distretto agricolo famoso per le sue coltivazioni di verdura, patate, bacche per questo è anche una meta culinaria importante, qui si possono assaggiare tante specialità del posto. La primavera è la stagione degli asparagi e l’autunno quella del tartufo, ecco altri due buoni motivi per visitare questa località. Se cercate un posto silenzioso dove rilassarvi andate a Furillen dove si trova uno degli alberghi più esclusivi del Nord Europa. A sud di Gotland si trova Oland, un’isola stretta e lunga ricca di spiagge bianche, raggiungibile da Kalmar percorrendo il ponte di Öland. Se decidete di visitare questo posto fatelo in primavera o d’autunno per evitare le folle di turisti. A sud dell’isola si trova Alvaret, anch’esso patrimonio dell’Unesco, qui nascono rarissime orchidee e piante. Il Faro di Lange Erik e l’Ottemby Bird Station sono le destinazioni preferite dagli ornitologi. Troverete alberghi ed hotel aperti tutto l’anno nel pittoresco paese di Borgholm.

Il Gota Kanal rappresenta una delle maggiori attrazioni turistiche del paese. Il canale fu costruito tra il 1810 ed il 1832 dall’ingegnere Baltzar Von Platen, furono impiegati 58000 soldati per la realizzazione dell’opera. Il Gota Kanal è lungo 190 km, 92 m sopra il livello del mare. Lungo il canale si potranno scorgere scenari bellissimi e paesini caratteristici. E’ possibile prenotare una crociera per visitare tutti i siti d’interesse storico che si trovano lungo la costa. Lungo il canale si possono affittare kayak ed altre imbarcazioni, vi sono percorsi ciclabili e sentieri per fare trekking.

Castelli e siti storici

Sarebbe interessante iniziare a conoscere la storia dei vichinghi visitando i diversi siti storici diffusi in tutto il paese. Nel XVII secolo la Svezia era infatti una grande potenza, ne sono la testimonianza i castelli, i manieri ed i palazzi di quell’epoca.

Oggi questi castelli vengono utilizzati sia come residenze private che ufficiali oppure come musei, centri conferenze o semplicemente come attrazioni turistiche. Solo a Skane si trovano 350 castelli, fra questi il castello fiabesco di Trolleholm restaurato nel XIX secolo in stile rinascimentale.

Affascinanti invece le incisioni rupestri risalenti a 3000 anni fa (patrimonio mondiale) realizzate dal popolo di Tanum, che rappresentava scene di vita quotidiana sulla roccia, probabilmente per farle arrivare fino ai nostri giorni. Fortunatamente esistono numerose testimonianze ben preservate del passato storico svedese.

Degno di nota è il Vasa Museum a Stoccolma, un museo costruito intorno alla nave di Vasa, l’unica nave da battaglia del XVII secolo sopravvissuta al mondo, affondata durante il suo viaggio di ritorno a Stoccolma, decisamente da non perdere!!

Citiamo anche il museo miniera di Falun al centro della Svezia e patrimonio dell’Unesco. Il museo sorge sull’orlo di una grande buca che nel 1687 costituiva una cava gigantesca. Grazie al museo si potrà conoscere la storia della cava e della società che la gestiva.

La regione del Lago Malaren ospita 40 castelli aperti al pubblico. Molti castelli privati sono visitabili d’estate. La regione dove si trova Stoccolma ospita 10 castelli reali fra cui Drottningholm Palace e Kina Slott (Padiglione cinese), tutti siti che sono patrimonio mondiale.

Sulla costa occidentale troviamo la Fortezza di Bohus, sulla costa orientale il Castello di Borgholm.

A Skane si trova il castello medievale di Glimmingehus, il Castello di Skokloster vicino al lago Malaren che ospita collezioni risalenti al XVII secolo. Consigliamo una visita anche alla Residenza di Tullgarn del XVIII secolo a Sormland e infine Tjolöholm Manor House ad Halland costruita verso la fine del XIX secolo.

Chi visita la Svezia per la prima volta resterà stupito dalla magnificenza e dalla diversità culturale di un paese così piccolo del nord Europa. La Svezia fu una grande potenza europea nel XVII secolo e potenza industriale nel XIX e XX secolo, ruolo che mantiene ancora oggi. Testimonianze della sua grandezza si trovano soprattutto nella Svezia centrale dove si trovano numerosi castelli e manieri.

A Stoccolma ci sono due castelli reali di grande splendore, uno di questi è il Palazzo Reale di Stoccolma, il più grande del nord Europa, dove gli appassionati di storia potranno trascorrere diverso tempo. Le attrazioni principali di questo castello sono l’area dedicata alle armature reali e quella dei tesori reali. L’altro castello è quello di Drottningholm che si trova fuori città sul lago Malaren. Il Castello è noto come la Versailles del Nord ed è considerato patrimonio dell’Unesco per il suo parco, i suoi interni ed il suo teatro del XVIII secolo rimasto intatto. Le parti più vecchie del Palazzo Reale di Stoccolma risalgono al XVII secolo anche se molte furono ricostruite su strutture più antiche distrutte dagli incendi. In questa zona troviamo dei castelli ancora più antichi e quasi tutti appartenenti a membri reali.

I castelli Majestic e Gripsholm, vicino alla pittoresca città di Mariefred nei pressi di Skokloster, si trovano entrambi sul lago Malaren e sono dei castelli barocchi con interni unici risalenti al XVI e al XVII secolo. All’interno di questi castelli vengono allestite delle esibizioni molto interessanti come quella dei ritratti reali a Gripsholm. Un altro castello molto interessante è quello di Orebro che domina il centro della città da cui prende il nome e che risale all’epoca dei Vasa (XVI e XVII secolo). Al castello si organizzano cene nelle vecchie prigioni e nelle sale delle torture. Il Castello di Uppsala, rimasto incompleto, è un altro sito interessante.

In tutta la zona della Svezia centrale si trovano centinaia di castelli e manieri di valore storico e culturale unico. Quasi tutti i castelli sono circondati da un ambiente bellissimo e la maggior parte è aperta al pubblico durante quasi tutto l’anno. Molti sono stati trasformati in alberghi con una grande varietà di servizi: ristoranti, spas, ecc. Gli ospiti potranno rilassarsi in un ambiente storico. La competitività fra le diverse strutture esistenti è alta, ognuno offre servizi diversi e la qualità tende a migliorare sempre di più.

D’estate e nel periodo natalizio vengono offerti dei programmi speciali, difficile elencarli tutti ma ne citiamo qualcuno: a Sodermanland, a sud di Stoccolma, c’è il maniero di Duveholm che risale al XV secolo, il bellissimo castello di Tullgarn del XVI secolo ed i castelli Yxtaholm e Sodertuna. Inoltre citiamo il Lövsta bruk, Österby bruk, Gimo e i castelli di Steninge e Rosersberg; il Grythyttan, Loka Brunn ed Aspa; a Värmland i castelli Svaneholm e Kroksta, la lista potrebbe continuare all’infinito.

Sul versante orientale della Svezia troviamo il Castello di Kalmar che risale al XIV secolo ma che fu ricostruito nel XVI secolo. Il castello fu costruito intorno ad un porto e presto divenne la “chiave per accedere al Regno” ed una fortificazione difensiva sul confine danese. Vicino al castello si trova Olandbron, il ponte che porta all’isola di Oland, famosa destinazione di vacanza per gli svedesi.

Centri benessere e SPA

Per gli svedesi dedicare tempo al benessere del proprio corpo è importante, è vero che dopo una sauna molti svedesi fanno un tuffo rigeneratore nel lago. Vanno sempre più di moda i centri benessere che offrono ogni sorta di trattamento. L’esigenza di ricorrere ad un centro benessere si fa sempre più forte man mano che aumenta la freneticità della vita. Potrete trovare una Spa ovunque, sia in mezzo alla natura che nel cuore della città.

Molte Spa che troviamo in Svezia sono storiche, ricordiamo Loka Brunn che si trova 250 km ad ovest di Stoccolma e Medevi Brunn vicino al Lago Vatternnel versante centro meridionale del paese. Le cure sfruttano le proprietà dell’acqua minerale delle sorgenti vicine.

Altre Spa molto conosciute dagli abitanti di Stoccolma sono Sturebadet e Centralbadet.

SPA e centri benessere consigliati

Riksgränsen Alpine Spa

Riksgränsen si trova a 300 km sopra il circolo polare artico, un resort sciistico situato in Lapponia, una zona della Svezia nota per i suoi contrasti estremi: buia tutto l’inverno, luminosa d’estate, casa della stagione sciistica più lunga del paese. E’ qui che si trova il centro benessere Riksgränsen Alpine Spa che offre massaggi tradizionali e trattamenti per la pelle, medicina sportiva, lezioni di yoga e tecniche di guarigione ereditate dalla cultura Sami. Un’esperienza unica da provare in qualunque periodo dell’anno.

Suderhalsan

Sulla punta meridionale dell’isola di Gotland, in un paesaggio magico di spiagge bianchissime e formazioni rocciose dette Raukar, troverete Suderhalsan, un centro benessere che non solo si occupa dello stato di salute dei propri clienti ma anche di quello dell’ambiente circostante. Il cibo che viene servito qui è prodotto organicamente ed acquistato localmente. Qui la principale fonte energetica che viene sfruttata è il sole. La maggior parte delle piscine che vengono utilizzate per i trattamenti si trova all’esterno in modo tale da permettere ai clienti di godere dello splendido panorama sul mare.

All’interno del centro si possono fare diversi trattamenti per la pelle e massaggi di tutti i tipi. Per chi soffre di particolari problemi di salute viene messo a disposizione un medico ed un’infermiera che potranno eseguire delle analisi del sangue.

Hagabadet

Hagabadet, situata al centro di Haga, un quartiere dalle stradine di ciottolato, fu costruita nel 1876, grazie a dei fondi donati alla città da un filantropo che volle offrire alla classe lavoratrice l’opportunità di godere di una bella struttura di design oltre che di una buona salute. Originariamente, la struttura era sede dei bagni pubblici (c’erano anche le vasche da bagno) e di una lavanderia comunale. Sfortunatamente l’edificio fu distrutto da un incendio un quarto di secolo dopo. Dopo l’incendio alla struttura furono aggiunte delle piscine e delle aree dove svolgere attività teatrali ed altro, pur mantenendo la sua bellezza architettonica.

Negli anni 70’ i residenti del quartiere di Haga decisero di rinnovare le casette di legno ed i palazzi che ora rendono questo luogo incantevole. Ovviamente i lavori di restaurazione includevano anche Hagabadet che diventò la SpA che troviamo oggi.